Comunicazioni sociali

L’Ufficio Pastorale delle Comunicazioni Sociali cerca di essere vicino alle parrocchie perché possano valutare e implementare le loro comunicazioni, mettendo a fuoco le necessarie attenzioni pastorali che questo settore richiede. Pubblicistica varia, notiziario parrocchiale, sito istituzionale, eventuali profili social, contenuti audio-video e app per smartphone si stanno rivelando un settore pastoralmente strategico e denso di implicazioni. A tal proposito, l’Ufficio vorrebbe mettere in atto:

  1. un monitoraggio degli strumenti di comunicazione che innervano la vita delle nostre parrocchie;
  2. una proposta di consulenza al bisogno che aiuti a costruire un piano comunicativo parrocchiale globale, efficace e sostenibile (a livello di costi, energie e tempo);
  3. una raccolta di proposte formative, sia di carattere tecnico-pratico che a livello di senso e contenuti.

23 ottobre – Formazione on line per gli operatori pastorali parrocchiali “Buone prassi di giornalismo costruttivo”

Venerdì 23 ottobre dalle 17.30 alle 19.00 è in programma una formazione on line tramite Zoom per gli operatori pastorali parrocchiali nel settore delle comunicazioni sociali sul tema "Buone prassi di giornalismo costruttivo". L'incontro è rivolto a tutti coloro che nelle parrocchie si preoccupano di creare e diffondere informazione.

Settembre-ottobre – Corso di formazione on line sul tema della pastorale digitale

Da sabato 26 settembre riprende il percorso formativo per gli operatori pastorali della comunicazione proposto dai vescovi lombardi. Gli iscritti alla prima parte si ritroveranno per la seconda parte del corso con lezioni in modalità webinar, per permettere la fruizione nella massima sicurezza.

On line il nuovo servizio della fototeca diocesana per le parrocchie

È on line il nuovo servizio della fototeca diocesana, un sito che raccoglie centiaia di foto che potrebbero servire alle parrocchie per trovare facilmente le immagini che possano favorire la loro comunicazione tramite bollettini, social, siti e manifesti.

Cosa leggere

Cosa guardare