Un Teatro che Serve

 

“Bisogna avere il coraggio di trovare i nuovi segni, i nuovi simboli, una nuova carne per la trasmissione della Parola, le diverse forme di bellezza che si manifestano in vari ambiti culturali, e comprese quelle modalità non convenzionali di bellezza, che possono essere poco significative per gli evangelizzatori, ma che sono diventate particolarmente attraenti per gli altri.”
(Papa Francesco)

Tra i nuovi segni e i nuovi linguaggi che la catechesi può utilizzare c’è il linguaggio teatrale: un vero veicolo per l’annuncio.
L’esperienza di Giovanni Soldani, padre, insegnante di religione ma soprattutto abile e sapiente narratore, lo ha portato a preparare alcuni percorsi di catechesi con il teatro che offrono la possibilità di riflettere su alcune pagine bibliche, sulla figura di alcuni Santi, su alcune tematiche di attualità.
Le sue competenze sono diverse: teatrali (attore, autore e regista), educative (acquisite in campo pastorale e sociale), didattiche (insegnante di scuole medie e superiori), teologiche (conseguito baccalaureato).

L’Ufficio Catechistico Diocesano ripropone questi percorsi perché crede che queste proposte possano essere un’occasione, dentro i cammini di iniziazione cristiana delle nostre parrocchie, per ragazzi e genitori.

PER CONTATTI E INFORMAZIONI:
Giovanni Soldani: giovanni.soldani@tiscali.it


PROPOSTA BIBLICA “L’ARCOBALENO”

Sei tra le storie più affascinanti della Bibbia (Pentateuco) vengono presentate attraverso l’arte del teatro. Così assumono valore, parti significative del testo biblico: storie, personaggi da incontrare o rincontrare attraverso suggestioni e immagini che il mezzo teatrale riesce a regalare in modo diretto.
L’idea è quella di consegnare una serie di spunti, domande e riflessioni.
Si può proporre una o più storie in incontri ai gruppi di bambini e ragazzi. Oppure la proposta può riguardare un cammino di formazione per i genitori, per i catechisti, per l’intera comunità adulta.
Si dà anche la possibilità, immediatamente dopo la rappresentazione, di un momento di confronto e di condivisione.

IL PERCORSO
Si sviluppa su sei incontri diversi:

  • La creazione ovvero un Dio che ama
  • Da Abele a Babele ovvero un Dio che salva
  • Abramo ovvero un Dio che parte
  • Giacobbe ovvero un Dio che lotta
  • Giuseppe ovvero un Dio che sogna
  • Mosè ovvero un Dio che libera

DURATA
Ogni singolo intervento è della durata di 45 minuti, a cui si aggiunge un tempo di dialogo, confronto, dibattito, domande, di una trentina di minuti per un totale di circa 1 ora e un quarto.

Scarica il dépliant proposta “L’arcobaleno”


GRAZIE FRANCESCO

Il Santo di Assisi si racconta in prima persona narrando la sua vicenda che, pur essendo stata vissuta otto secoli fa, mantiene una freschezza e una contemporaneità che colpisce e avvicina ancora di più Francesco alle nostre storie.
La proposta è un’ottima occasione per rivisitare la vita del santo dentro i cammini di catechesi, in occasione della ricorrenza, preparandosi a un viaggio ad Assisi sulle sue orme.

DURATA
Durata di 50 minuti (naturalmente là dove ci fosse richiesta a questo tempo può far seguito un tempo di confronto a caldo con i presenti).

Scarica il dépliant proposta “Il teatro che serve”


PASSIONE DI UN UOMO

“Passione di un uomo” è il racconto delle ultime ore dell’Uomo della croce.
… ”Passione”, termine crocevia tra amore intenso e sofferenza intensa… Croce via.

La proposta è un’ottima occasione per il tempo forte della Quaresima dal Mercoledì delle Ceneri al Venerdì Santo, per presentare il mistero della Passione dentro i cammini di catechesi.

DURATA
55 minuti.

Scarica il dépliant proposta “Il teatro che serve”


DESIDERIO

Una storia vera, una storia drammaticamente bella, una storia di cura e di misericordia dall’inizio alla fine…
“Desiderio è uno spettacolo da vedere ma soprattutto una persona da conoscere”.

La proposta è un’ottima occasione per riflettere sul tema della carità, sul tema delle opere di misericordia, sul brano di Luca della pecora smarrita.

DURATA
55 minuti.

Scarica il dépliant proposta “Il teatro che serve”